Documents

Mahler

Categories
Published
of 9
All materials on our website are shared by users. If you have any questions about copyright issues, please report us to resolve them. We are always happy to assist you.
Related Documents
Share
Description
Music
Transcript
  1 SYMPHONY NO. 5 1. Composition During the night o 24/25 February 1901, Mahler almost died rom an intestinal haemorrhage. Te doctors told him the ollowing morning that he would indeed have died i they had not treated him promptly. Tis no doubt explains the almost exclu-sively unereal and despairing character o the music he composed in the ensuing summer months—ourRückert-Lieder, three Kindertotenlieder, and the first movements o the Fifh Symphony. Te only exception was the movement he composed first o all, the Scherzo, which can be considered to be another ‘Dankgesang eines Genesenen’ (Song o thanks o one restored to health), like the Largo in Beethoven’s 15th Quartet. It does indeed reflect one o Mahler’s rare moments o optimism and breathes happiness and joie de vivre throughout. On the other hand, the first two movements could not be more sombre and desperate, and everything seems to indicate that Mahler at least sketched them out during that same summer. Te ollow-ing year Mahler completed the Symphony with a last ‘part’ comprising the celebrated Adagietto and the Rondo Finale. He thus chose a structure or the Fifh which he was to use again with only slight differences or his Seventh Symphony. But he would never again repeat what he did here, mak-ing the Scherzo the nucleus, the true centre o the work. Nor did he ever compose another Scher-zo as vast, complex and polyphonic as this one.When Mahler returned to Maiernigg at the end o June 1902, he was starting a new lie. He was ac-companied by his young and radiant wie. Hence-orth Alma was to take his sister Justi’s place as mistress o the house. Alma was musical, she composed, she played the piano well, and was so onto put her musical training to good use, help-ing her husband by copying the score o the new symphony. Mahler, enclosed in his Häuschen, his studio hidden in the midst o the orest, usu-ally came down only late in the morning to have a swim in the lake beore lunch. He did not keep his wie inormed o the progress o his creative work but composed in secret or her a song, ‘Liebst duum Schönheit’, which is one o the most beau- SYMPHONY NO. 5 1. Composizione Durante la notte del 24/25 ebbraio 1901, Mahler quasi morto per una emorragia intestinale. I medici gli hanno detto la mattina seguente che lui sarebbe davvero morto se non avesse trattata tempestiva-mente. Questo senza dubbio spiega il carattere qua-si esclusivamente unebre e disperata della musica che ha composto nei successivi quattro mesi estivi,Rückert-Lieder, tre Kindertotenlieder, ed i primi movimenti della Quinta Sinonia. L’unica eccezio-ne è stato il movimento composto prima di tutto, lo Scherzo, che può essere considerato un altro ‘Dankgesang eines Genesenen’ (Canto di ringrazia-mento per la salute ritrovata), come nel Largo del 15^ Quartetto di Beethoven. E in effetti riflette uno dei rari momenti di Mahler di ottimismo e respira la elicità e la gioia di vivere. D’altra parte, i primi due movimenti non potrebbero essere più cupi e dispe-rati, e tutto sembra indicare che Mahler li abbia de-lineati almeno durante quella stessa estate. L’anno successivo Mahler ha completato la Sinonia con un’ultima ‘parte’ che comprende il celebre Adagiet-to e il Rondo Finale. Ha così scelto una struttura per la quinta che avrebbe usato di nuovo, con solo piccole differenze, nella sua Settima Sinonia. Ma lui non avrebbe mai più ripetuto quello che ha atto qui, rendendo lo Scherzo il nucleo, il vero centro del lavoro. Né ha mai più composto un altro Scher-zo così vasto, complesso e polionico come questo.Quando Mahler tornò a Maiernigg alla fine di giugno del 1902, stava iniziando una nuova vita. Era accompagnato dalla moglie giovane e radio-sa. D’ora in poi Alma avrebbe preso il posto di sua sorella Justi come padrona di casa. Alma era musicale, componeva, suonava bene il piano e così mise la sua ormazione musicale a buon uso, aiutando il marito copiando la partitura della nuo- va sinonia. Mahler, chiuso nel suo Häuschen, il suo studio nascosto in mezzo alla oresta, di soli-to scendeva solo in tarda mattinata per are il ba-gno nel lago prima di pranzo. Egli non mantenne la moglie al corrente dei progressi del suo lavoro creativo, ma compose per lei, in segreto, una can-zone, ‘Liebst duum Schönheit’, che è una delle di-  2tiul declarations o love ever written in music.On 24 August, three days beore returning to Vien-na, Mahler wrote to two o his riends to tell them he had completed his work. And now was the time to share with Alma his joy in a completed work. ‘Al-most ceremoniously’ he took her by the arm and led her up to the Häuschen, where he played through the entire symphony on the piano. Alma said she was impressed by the work as a whole but never-theless criticised the final apotheosis, the brass cho-rale that she ound ‘churchlike and uninteresting’. Mahler reminded her o Bruckner and his chorale apotheoses but rerained rom revealing to her all the ambiguity o his own chorale, which reproduces note or note one o the melodic ragments thrown off by the clarinet in the first bars o the Rondo.During the winter, as was his custom, Mahler worked on the details o his score. Te final copy was not completed until the autumn o 1903 afer his wie had finished hers. But the story o the Fifh had only just begun. rue, one o the great Ger-man publishing houses, C.F. Peters, immediately offered to publish the symphony, something quite new in Mahler’s career as a composer. And the director o the celebrated Gürzenich Konzerte in Cologne decided to make the première o the Fifh the outstanding event o the 1904/5 season. Unor-tunately, as soon as the first reading rehearsal with the Vienna Philharmonic was held in September 1904, a month beore the perormance was due to take place, Mahler began to have doubts about his instrumentation. Alma had confirmed his doubts by telling him: ‘But what you’ve written is a sym-phony or percussion instruments!’ And it was true that or the first time the absolute mastery he had acquired in orchestration had proved inad-equate to cope with the development o his style, the problem now being to establish clarity within a polyphonic texture more closely woven than ever beore. And so the interminable story o the  various versions o the Fifh began. Bruno Wal-ter was later to declare that the advance payment made by Peters to Mahler was entirely spent on paying or the endless stream o revisions and cor-rections to the score already in print. Te last ver-sion dates rom 1909, but Peters never published it, in spite o the promise made to Mahler shortly beore his death. It got into print only in 1964. In act the director o the firm, Henri Hinrichsen, chiarazioni d’amore più belle mai scritte in musica.Il 24 agosto, tre giorni prima di tornare a Vienna, Mahler scrisse a due suoi amici per dire loro che aveva completato il suo lavoro. E ora era il mo-mento di condividere con Alma la sua gioia per il lavoro completato. ‘Quasi cerimoniosamente’ lui la prese per un braccio e la condusse fino al Häu-schen, dove suonò per intero la sinonia al piano-orte. Alma si disse impressionata dal lavoro nel suo complesso, ma comunque criticò l’apoteosi fi-nale, la corale in ottone che ha trovò ‘poco interes-sante e chiesastica’ . Mahler le ricordò di Bruckner e della sua apoteosi corale, ma si astenne dal rive-larle tutta l’ambiguità della sua corale, che ripro-duce nota per nota uno dei rammenti melodici suonati dal clarinetto nel prime battute del Rondo.Durante l’inverno, come era sua abitudine, Mahler lavorò sui dettagli della partitura. La copia definiti- va non è stata completata fino all’autunno del 1903 dopo che sua moglie aveva finito la sua. Ma la sto-ria della Quinta era appena cominciata. È vero, una delle grandi case editrice tedesca, CF Peters, imme-diatamente offrì di pubblicare la sinonia, qualcosa di nuovo nella carriera di Mahler come composito-re. E il direttore del celebre Gürzenich Konzerte di Colonia decise di are della prima esecuzione della Quinta l’evento eccezionale della stagione 1904/5. Purtroppo, non appena si tenne la prima prova con la Filarmonica di Vienna nel settembre 1904, un mese prima della messa in scena, Mahler comin-ciò ad avere dubbi sulla sua strumentazione. Alma conermò i suoi dubbi, dicendogli: ‘Ma quello che hai scritto è una sinonia per strumenti a percus-sione!’ Ed era vero che, per la prima volta, l’ as-soluta padronanza, che aveva acquisito nel orche-strazione, si era dimostrata inadeguatìa a ar ronte allo sviluppo del suo stile, il problema era ora di are chiarezza all’interno di una trama polionica più fitta che mai. E così la storia interminabile delle  varie versioni della Quinta ebbe inizio. Bruno Wal-ter dichiarò, poi, che l’anticipo versato da Peters a Mahler è stato interamente speso per pagare per il flusso infinito di revisioni e correzioni alla partitu-ra già in stampa. L’ultima versione risale al 1909, ma Peters mai pubblicato, nonostante la promessa atta a Mahler poco prima della sua morte. E ‘en-trato in stampa solo nel 1964. Inatti il direttore della ditta, Henri Hinrichsen, era completamente scoraggiato dalle battute d’arresto incontrate dal  3was completely discouraged by the setbacks the work encountered and the sums o money it had cost him. He even told Arnold Schoenberg that he planned to melt down the plates. Schoenberg’s an-swer is known because it took the orm o along article or lecture on Mahler he wrote in 1912. Te first perormance o the Fifh thus took place in Cologne on 18 October 1904. wo years afer his first triumph as a composer, with the Tird Symphony in 1902, Mahler had at last established his reputation in Germany. And yet neither the public nor the critics seemed prepared to ollow him in the new direction his music was now tak-ing. Tere was much booing mingled with the applause, and the next day the press delivered a harsh verdict. One year later, Robert Hirscheld, the most outspoken and anti-Mahlerian o the Vi-enna critics, called Mahler ‘the Meyerbeer o the Symphony’ afer the Vienna première. He admit-ted that there had been loud applause in the hall but blamed it on the bad taste o the Viennese who, not content with contemplating the ‘reaks o na-ture’ now only had ears or ‘reaks o the mind’. 2. A new Style Nowadays we see things very differently, o course. Everything in the Fifh seems to be the work o a composer who was conscious o his maturity and powers but who nevertheless elt a proound urge to renew himsel. Richard Specht saw in the Fifh a first attempt to ‘reshape (gestalten) the world start-ing rom the individual sel’. It was a trend towards abstraction, the abandonment o any reerences to the past (the Knaben Wunderhorn), childhood or paradise (the Fourth), or the great philosophico-religious themes (the Second), or even pantheism (the Tird), and also an attempt to find new or-chestral language; an enrichment o the palette o sounds; a denser, more coherent and harmonious symphonic orm (requent recurrences o themes, interdependence o the first and second move-ments orming Part I and o the ourth and fifh movements orming Part III o the Symphony). However, there are still clear thematic links be-tween the Fifh and the Lieder Mahler composed during the same period. With the Fifh Mailer took a decisive step towards a purely orchestral art that he was to practise until the end o his short lie, except or the Eighth and the Lied von der Erde.lavoro e dalle somme di denaro che gli erano co-state. Arnold Schoenberg disse anche che aveva in mente di ondere i piatti. La risposta di Schoenberg è nota poichè prese la orma di un lungo articolo o conerenza su Mahler che egli scrisse nel 1912.La prima esecuzione della Quinta così ha avuto luogo a Colonia il 18 ottobre 1904. Due anni dopo il suo primo triono come compositore, con la erza Sinonia nel 1902, Mahler aveva finalmente stabilito la sua reputazione in Germania. E tutta- via né il pubblico né la critica sembravano disposti a seguirlo nella nuova direzione, che la sua musi-ca stava ormai prendendo. Ci urono molti fischi mescolati a qualche applauso, e il giorno dopo la stampa emise un verdetto severo. Un anno più tardi dopo la prima esecuzione a Vienna, Robert Hirscheld, il più schietto e anti-mahleriano della critica viennese, definì Mahler ‘il Meyerbeer della Sinonia’. Ammise che c’erano stati applausi in sala, ma la colpa era del cattivo gusto del viennese che, non contento di contemplare gli ‘scherzi di natu-ra’ ora solo aveva orecchie per ‘patiti della mente’. 2. Un nuovo stile Oggi vediamo le cose in modo molto diverso, na-turalmente. utto nella Quinta sembra essere l’ope-ra di un compositore consapevole della sua matu-rità e dei suoi poteri, ma che comunque sentiva il bisogno proondo di rinnovare se stesso. Richard Specht vide nella Quinta un primo tentativo di ‘rimodellare (Gestalten) il mondo a partire dal sé individuale’. E ‘stata una tendenza verso l’astrazio-ne, l’abbandono di qualsiasi rierimento al passato (il Knaben Wunderhorn), l’inanzia o paradiso (la Quarta), oppure i grandi temi filosofico-religiosi (la Seconda), o anche panteismo (la erza), e anche un tentativo di trovare nuovo linguaggio orchestra-le, un arricchimento della tavolozza di suoni, una più densa, più coerente e armoniosa orma sinoni-ca (requenti ricorrenze di temi, l’interdipendenza del primo e secondo movimento, che costituiscono la parte I, e del quarto e quinto movimento, che ormano la Parte III della Sinonia). uttavia, ci sono ancora chiari legami tematici tra la Quinta e i Lieder composti da Mahler nello stesso perio-do. Con il quinto Mailer ha compiuto un passo decisivo verso un’arte puramente orchestrale che era di praticare fino alla fine della sua breve vita,  4 3. Analysis  Part I 1. Im gemessenen Schritt. Streng. Wie ein Kon-dukt (At a measured pace. Sternly. Like a uner-alcortège.), 2/2, C-sharp minor. Like the Second Symphony nine years earlier, the Fifh begins with an epic Funeral March. Te symphonic hero is ‘laid to rest’. But this time the imaginary onlooker (or symphonic commentator, perhaps) does not revolt against ate but aces it with noble and lofy res-ignation. Te eeling expressed—deep, impersonal mourning—is interrupted only by the outburst o the first contrasting episode and the elegiac sweet-ness o the second. Te absence o any real conflict can be seen as the cause—or the consequence o the abandonment o the sonata orm. Te thematic material continually develops rom an ensemble o cells according to a procedure characteristic o Mahlerian composition at this time. Mahler uses progressive tonality throughout: the work begins in C-sharp minor and finishes in D major. Te ini-tial Funeral March contains two episodes, which one hesitates to call ‘rios’, though they are both clearly intended to provide the expected contrast. Both use themes and motives derived rom previ-ous material. Te trumpet signal that establishes rom the start the character o the movement is a memory rom Mahler’s childhood, when he heard the distant bugle-calls rom the Iglau barracks and watched the military band marching past his par-ents’ house. Te signal returns several times like a rerain to link the various episodes or couplets o the March. Te real theme (on violins and cel-los) belongs to the same world as that o the last Wunderhorn-Lied, Der amboursg’sell, composed during the same summer o 1901. Afer its second exposition (violins and woodwinds), it is ollowed by a new ‘consolatory’ element (A-flat) in sixths, which has the same dotted rhythm.In the first o the rios (Plötzlich schneller. Leiden-schaflich. Wild [Suddenly aster. Passionate.Sav-age], B-flat minor), grie, until now restrained, bursts into rapid, everish motis in quavers,supported by syncopated chords on the horns. Te reprise o the march theme and the ‘consolation’ episode restores tranne che per l’ottavo e il Lied von der Erde. 3. Analisi Parte I  1. Im gemessenen Schritt. Streng. Wie ein Kon-dukt (ad un ritmo misurato. Severamente. Come un corteo unebre), 2/2, C-diesis minore. Come la Seconda Sinonia nove anni prima, la Quinta inizia con una marcia unebre epica. L’eroe sin-onico è ‘sepolto’. Ma questa volta lo spettatore immaginario (o commentatore sinonico, orse) non si rivolta contro il destino, ma lo affronta con rassegnazione nobile ed elevato. La sen-sazione espresso, proondo e impersonale cor-doglio, è interrotta solo dallo scoppio del primo episodio di contrasto e dalla dolcezza elegiaca del secondo. L’assenza di qualsiasi conflitto reale può essere visto come la causa o la conseguenza dell’abbandono della orma sonata. Il materi-ale tematico si sviluppa continuamente da un insieme di celle in base a una procedura carat-teristica della composizione mahleriana a quel tempo. Mahler utilizza tonalità progressiva in tutto: il lavoro inizia in do diesis minore e finisce in re maggiore. La prima Marcia unebre con-tiene due episodi, che si esita a chiamare ‘rio’, anche se entrambi sono chiaramente destinati a ornire il contrasto previsto. Entrambi i temi e motivi derivano da materiale precedente. Il seg-nale di tromba che stabilisce da subito il carat-tere del movimento è un ricordo d’inanzia di Mahler, quando udì di lontano la tromba, dalla caserma Iglau a guardò la marcia banda militare davanti alla casa dei suoi genitori ‘. Il segnale torna più volte come un ritornello per collegare i vari episodi o distici della Marcia. Il tema reale (di violini e violoncelli) appartiene allo stesso mondo, come quella degli ultimi Wunderhorn-Lied, Der amboursg’sell, composti durante la stessa estate del 1901. Dopo la sua seconda es-posizione (violini e fiati), è seguito da un nuovo elemento ‘consolatoria’ (A-bemolle) nelle seste, che hanno lo stesso ritmo punteggiato.Nel primo dei rii (Plötzlich schneller. Leiden-schaflich. Wild [improvvisamente più veloce. Passionale.Selvaggio], B-bemolle minore), il dolore, fino ad ora renato, esplode in rapidi motivi ebbrili in crome, supportati da accordi sincopati sui corni . La ripresa del tema di mar-
We Need Your Support
Thank you for visiting our website and your interest in our free products and services. We are nonprofit website to share and download documents. To the running of this website, we need your help to support us.

Thanks to everyone for your continued support.

No, Thanks